Slide Down

SOLIDARIETÀ contro POVERTÀ, SFRUTTAMENTO e INGIUSTIZIE

Una partita giocata fuori casa, dove il tifo e il sostegno sono indispensabili: si "gioca" su un terreno difficile, un campo duro, in condizioni imprevedibili; bisogna essere pronti a tutto, ma quello che più importa, è che ci sia un buon gioco di squadra. Siamo sicuri di arrivare in finale, perché noi ce la mettiamo tutta, e a sostenerci ci sono tutti i nostri fans, che oltre a "tifare" per noi, ci sostengono generosamente.

English   Espanol   Deutsch   Francais   Italiano

Nicaragua - Irrigare con il ... sole

Crescere Insieme: progetto di sviluppo globale di comunità

                                                                 Per saperne di più:

Nicaragua, paese di laghi e di vulcani, e una natura generosa. La Playita, un lembo di terra sul lago Cocibolga.
Una piccola comunità di campesinos che per la totale mancanza di infrastrutture di base tende a svendere e ad abbandonare questo piccolo paradiso per raggiungere l’inferno delle città. La presa di coscienza della comunità della situazione a rischio ha dato vita ad un’aggregazione associativa,
dal nome significativo: Sol y Agua, Maravillas de la Tierra. L’unione fa la forza, ma ancora non basta…

     
L’incontro con ABBA ha aperto una speranza per un futuro di vita sostenibile alla Playita, con una prima risposta concreta:
un programma di agricoltura come alternativa alla monocultura bananiera, con sistema di irrigazione goccia a goccia, grazie all’installazione di una pompa a energia solare con pescaggio dell’acqua dal Lago Cocibolca, e due tank di riserva da 5'000 litri.

            
La popolazione si attiva mettendo a disposizione la manodopera.
Nascono li orti famigliari seguendo concetti rispettosi dell’ambiente. Tutta la comunità è coinvolta, compresi i bambini che partecipano con interesse.

     
Un agronomo, professore dell’università di Managua e i suoi studenti, seguono i lavori trasmettendo concetti importanti in modo comprensibile a tutti.

 
Si scoprono prodotti alternativi per un'alimentazione diversificata, e si apprendono nozioni di alimentazione corretta.
Un primo passo verso la sicurezza alimentare.
 


Questo primo progetto genera entusiasmo e speranza nella comunità che vede concretizzarsi un futuro diverso. Due famiglie decidono di costruirvi la propria nuova casa. Nasce così il progetto globale di sviluppo di comunità. Le voci circolano e il progetto di sviluppo della Playita suscita anche l’interesse dei media locali. Se ne parla ad una trasmissione televisiva e vengono pubblicati articoli sui quotidiani.

       


L’inaccessibilità alla rete elettrica è stata sopperita con impianti fotovoltaici.

     
Oggi ogni famiglia dispone di pannelli solari ed è stata formata sul corretto utilizzo degli impianti.
 


L’istruzione e la formazione sono i cardini sui quali poggia lo sviluppo di una comunità. Il modesto reddito delle famiglie e la distanza dai centri sono le cause principali che precludono ai giovani l’accesso agli studi o alla formazione professionale. ABBA è intervenuta con l’offerta di borse di studio: oggi 40 giovani stanno facendo una formazione universitaria o professionale. Gli studenti sono tutti seguiti ed accompagnati a livello personale.
Sono coinvolti nel progetto della comunità affiancando con il loro know how i responsabili delle varie attività, secondo le necessità.

     

Per migliorare l’apprendimento scolastico di base e sopperire alle carenze del sistema scolastico statale, i bambini possono frequentare l’Escuelita, un doposcuola settimanale gestito da insegnanti pensionati che vengono dalla città.
 


La mancanza di acqua potabile e servizi igienici ha dato avvio ad uno studio per la creazione di un acquedotto comunitario. Come sempre alle discussioni partecipano tutte le famiglie, alla presenza di esperti e dei responsabili di ABBA. Per i mezzi pesanti occorre preparare un accesso.
La popolazione mette a disposizione la manodopera e tutti sono coinvolti. La perforazione dei pozzi è affidata ad una ditta specializzata locale.

     

     

10 km di scavi per interrare la rete di distribuzione dell’acqua che raggiunge le abitazioni. Ogni famiglia si fa carico di una parte del lavoro.
L’acquedotto funziona con una pompa ad energia solare. Viene posata una torre a prova di sisma, per un tank di 22'000 litri.

     


Nel frattempo viene fatta una ricerca per i servizi igienici: il nuovo sistema “Inodoro Ecologico Popular”, già in uso nel paese, è quello che ci vuole. Il sistema utilizzato richiede una gestione semplice. Costituito un gruppo di lavoro coordinato con persone della comunità per la sua realizzazione.

     


L’incontro con un’associazione del nord “Mujeres constructoras” che promuove processi di empowerment economico e sociale, ha generato una preziosa collaborazione con la comunità della Playita. Nel corso del 2015 sono stati organizzati corsi di formazione nella costruzione con materiali naturali. La tecnica utilizzata è quella della terra cruda (adobe). Una nuova sfida soprattutto per le donne della comunità.

     


Attraverso le dinamiche con la messa in funzione delle infrastrutture in risposta ai bisogni primari e  prioritari della popolazione della Playitas, è accresciuto il senso di comunità, la responsabilità e le competenze e quindi l’empowerment personale e delle famiglie che partecipano attivamente al processo di sviluppo in atto. Come conseguenza è nata l’esigenza di un punto di incontro e scambio, un centro comunitario e polifunzionale.

Studi e raccolta dati sono in corso all’interno della comunità per la preparazione di un progetto.


Risultati attesi del progetto globale:
valorizzazione dell’individuo -— benessere collettivo -— speranza rinnovata -— empowerment economico - vite trasformate